Sicurezza dei dati

Come viene utilizzato 192.168.1.X? Dal 192.168.1.2 al 192.168.1.5

Cocospy Phone SpyCocoSpy Phone Spy

Potresti aver trovato indirizzi IP come 192.168.1.2, 192.168.1.3, 192.168.1.4 e 192.168.1.5 in varie circostanze. Se sei un principiante in materia di reti, questi indirizzi IP potrebbero confonderti un po '. Quindi, abbiamo pensato di comporre un articolo che spiegasse questi indirizzi IP e le loro funzioni.

Che cosa è 192.168.1.2

192.168.1.2 è considerato un indirizzo IP privato. In effetti, molti router domestici a banda larga venduti al di fuori degli Stati Uniti utilizzano 192.168.1.2 come indirizzo IP predefinito. Inoltre, lo stesso indirizzo IP si trova comunemente nei dispositivi utilizzati nelle reti domestiche. Tuttavia, succede quando il rispettivo router ha l'indirizzo IP 192.168.1.1.

In generale, gli indirizzi pubblici dovrebbero essere unici su Internet. Tuttavia, 192.168.1.2 non ha tale requisito. Invece, dovrebbe essere unico all'interno della rispettiva rete locale. È vero che questo è l'indirizzo IP predefinito per alcuni router. Tuttavia, è possibile configurare qualsiasi router o computer su una rete locale per avere 192.168.1.2.

Connessione a 192.168.1.2

In generale, non è necessario accedere alla console di gestione del router per connettersi a 192.168.1.2. Tuttavia, dovrai accedere alla console di amministrazione se alcuni problemi di connessione persistono. Inoltre, è un requisito se si imposta il router per la prima volta. La modifica della password del router, l'impostazione di un server DNS personalizzato, la creazione della rete Wi-Fi, ecc. Richiede l'accesso come amministratore,


Supponiamo che l'indirizzo IP di un determinato router (sulla rete locale) sia impostato su 192.168.1.2. In tal caso, è necessario inserire l'indirizzo IP nella barra degli indirizzi di un browser Web. In questo modo, sarai in grado di accedere alla console di gestione del router. Quindi, l'indirizzo sarebbe

Una volta inserito l'indirizzo IP, vedrai apparire una pagina con i campi per inserire le credenziali. A seconda del marchio del router, è possibile trovare il nome utente e la password tramite una ricerca su Internet. Nella maggior parte dei casi, la maggior parte dei produttori di router utilizza "admin" come nome utente e password. Inoltre, alcuni produttori hanno le credenziali scritte nella parte inferiore del router stesso.

In ogni caso, se hai dimenticato la password del router, puoi ripristinarla manualmente. Quindi, le credenziali verranno impostate sui valori predefiniti; puoi modificare queste impostazioni come desideri in seguito.

Ragioni per cui 192.168.1.2 viene utilizzato così spesso

Coloro che producono dispositivi come punti di accesso e router devono assegnare un indirizzo IP all'interno dell'intervallo privato. All'inizio, i principali produttori di router a banda larga avevano 192.168.1.X come indirizzo IP predefinito. In effetti, tale intervallo privato di solito inizia con 192.168.0.0. Tuttavia, la maggior parte degli individui presume che la sequenza numerica debba iniziare da uno ma non da zero. Ecco perché 192.168.1.1 sembra una scelta migliore quando si tratta di avviare una rete domestica.

Ora che il router ha la prima di questa sequenza numerica (192.168.1.1), seguono il resto dei numeri. Ciò significa che i numeri a partire da 192.168.1.2 verranno assegnati agli altri dispositivi sulla rete. Ciò significa che 192.168.1.2 sarà il primo indirizzo IP assegnato a un dispositivo e il resto dei numeri lo seguirà.

Come assegnare 192.168.1.2 a uno dei dispositivi su una rete locale?

La maggior parte delle reti utilizza generalmente indirizzi IP dinamici sui propri dispositivi. Cioè utilizzando DHCP. Ciò significa che l'indirizzo IP del dispositivo verrà automaticamente modificato frequentemente. In alternativa, l'indirizzo IP verrà assegnato a un dispositivo diverso.

DHCP è considerato il metodo preferito che consente di assegnare 192.168.1.2 ai dispositivi. Tuttavia, è possibile assegnare anche un indirizzo IP statico. Tuttavia, dovresti aspettarti alcuni problemi di connessione se la configurazione non viene eseguita in modo strategico.

Quando dovresti scegliere un indirizzo IP statico?

Ecco alcune cose importanti che dovresti ricordare quando scegli tra indirizzi IP statici o dinamici.

  • Un router DHCP locale può essere configurato con un intervallo di indirizzi IP privati. Quindi, può essere allocato ai client.
  • Supponiamo che al router di casa sia assegnato l'indirizzo IP predefinito 192.168.1.1. In tal caso, ci sarà un set predefinito di indirizzi IP client. Questi indirizzi possono variare da 192.168.1.2 a 192.168.1.255. È prassi comune assegnare i dispositivi con intervalli inferiori (ad es. 192.168.1.2, 192.168.1.3, 192.168.1.4, 192.168.1.5, ecc.). Quindi, difficilmente vedrai un valore come 192.168.1.250 in una rete domestica.
  • In generale, i router non controllano se gli indirizzi IP sono già assegnati manualmente al client. Invece, assegna casualmente gli indirizzi IP ai dispositivi, indipendentemente dal fatto che l'indirizzo sia già utilizzato o meno. Questo è esattamente il motivo per cui vedrai conflitti di indirizzi IP nelle reti domestiche che comprendono più client.
  • I conflitti di indirizzi IP possono interrompere la connessione di rete e il flusso regolare dei dati tra i due dispositivi.

Per tutti questi motivi, ti consigliamo di lasciare che il router assegni gli indirizzi IP ai dispositivi all'interno della rete domestica.

Che cosa è 192.168.1.3

192.168.1.3, proprio come 192.168.1.2, è un indirizzo IP comunemente usato in particolare sulle reti locali. Questo indirizzo viene spesso utilizzato con quelle reti in cui l'intervallo di indirizzi IP inizia con 192.168.1.1. Ciò significa che le reti in cui al router è assegnato 192.168.1.1.

Secondo la teoria, i router possono assegnare l'indirizzo IP 192.168.1.3 a qualsiasi dispositivo ad esso collegato. Questo può essere fatto automaticamente. In caso contrario, un amministratore può assegnare questo indirizzo IP manualmente.

In effetti, non troverai nulla di speciale su questo indirizzo IP. È solo un altro indirizzo IP che viene utilizzato automaticamente dal router.

Assegnare 192.168.1.3 automaticamente

Dispositivi come computer compatibili con DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol) di solito ottengono automaticamente i loro indirizzi IP. Comunicano con il router non appena sono connessi e ottengono ogni volta un nuovo indirizzo IP. È il router che decide l'indirizzo IP assegnato a ciascun dispositivo collegato alla rete. Di solito, il router imposta un intervallo di rete compreso tra 192.168.1.1 e 192.168.1.255. Il router ne prende uno da questa sequenza (in generale, è 192.168.1.1). Quindi il router mantiene il resto degli indirizzi e li assegna nel pool. In generale, il router utilizza questi indirizzi IP in ordine sequenziale. Assegna 192.168.1.2 al primo dispositivo, quindi al secondo dispositivo verrà assegnato 192.168.1.3. Il terzo dispositivo sarà 192.168.1.4 e continua. Tuttavia, l'ordine non è garantito.

Assegnazione manuale di 192.168.1.3

Quando si tratta di dispositivi come console di gioco, computer, telefoni cellulari, schede e altri dispositivi accettano l'assegnazione manuale dell'IP. Tuttavia, non è semplice come inserire un indirizzo IP sul dispositivo. Invece, ci dovrebbe essere un processo di configurazione da completare nel router stesso per assegnare un indirizzo IP.

Quali sono i problemi associati a 192.168.1.3?

Il più delle volte, le reti assegnano indirizzi IP privati ​​attraverso la modalità DHCP e ciò avviene in modo dinamico. Se si tenta di assegnare manualmente un dispositivo con 192.168.1.3, non è impossibile. Può essere fatto sotto forma di assegnazione statica o fissa. Tuttavia, non consigliamo tale approccio per le reti domestiche. Ciò è dovuto in particolare al potenziale conflitto di indirizzi IP.

La maggior parte delle reti domestiche ha generalmente 192.168.1.3 nel loro pool di indirizzi IP per impostazione predefinita. Come per 192.168.1.2, 192.168.1.3 viene assegnato automaticamente anche ai dispositivi senza verificare se è già assegnato. Come risultato di questo processo, si verificherà un conflitto di rete sulla rete domestica. Supponiamo di aver assegnato manualmente un dispositivo con 192.168.1.3 sulla rete domestica. Quindi, se il router assegna un altro dispositivo con lo stesso indirizzo IP, si verificherà un conflitto. In questo caso, entrambi i dispositivi presenteranno problemi di connessione.

Supponiamo che la tua rete domestica sia configurata su DHCP e abbia un dispositivo con indirizzo IP 192.168.1.3. E tieni il suddetto dispositivo disconnesso per un certo periodo e ricollegalo. In tal caso, lo stesso dispositivo può essere riassegnato con un indirizzo IP diverso. La durata è considerata come "periodo di leasing" in una rete DHCP. E, questo periodo di leasing varia a seconda della configurazione della rete. Tuttavia, questo periodo di locazione può variare da due a tre giorni. Tuttavia, se non si collega un dispositivo più recente alla stessa rete, l'indirizzo IP 192.168.1.3 rimarrà non assegnato. Ogni volta che si ricollega il suddetto dispositivo alla stessa rete, è possibile riassegnare lo stesso indirizzo IP. Questo è solo se gli altri dispositivi sulle reti mantengono i loro indirizzi IP originali.

Cos'è 192.168.1.4?

192.168.1.4 occupa il quarto posto della sequenza di indirizzi IP da 192.168.1.1 a 192.168.1.255. In generale, i router domestici utilizzano questo intervallo (da 192.168.1.1 a 192.168.1.255) per identificare i dispositivi locali collegati al router. Il router ha la possibilità di assegnare 192.168.1.4 automaticamente a qualsiasi dispositivo collegato. Inoltre, gli amministratori della rete possono farlo manualmente.

Assegnare 192.168.1.4 automaticamente

Ad oggi, molti dispositivi possono connettersi a reti DHCP e sono compatibili con indirizzi dinamici. Ottengono automaticamente i loro indirizzi IP dal rispettivo router. In questo caso, è il router che decide quale indirizzo deve essere assegnato a quali dispositivi. È più un processo casuale. Gli indirizzi all'interno di questa sequenza sono spesso chiamati pool DHCP.


Per renderlo più chiaro per te, supponi di avere un router a casa. Questo router dovrebbe avere l'indirizzo IP 192.168.1.1 e questo è il primo numero della sequenza. Se si collega solo un altro dispositivo a questo router, verrà assegnato l'indirizzo IP 192.168.1.2. Quindi, una rete che ha un router e solo un altro dispositivo utilizzerà solo due indirizzi IP. Se si collega il secondo dispositivo alla stessa rete, verrà assegnato l'indirizzo IP 192.168.1.3. Allo stesso modo, ai dispositivi a cui ti connetti verranno assegnati in sequenza indirizzi IP. Questo intervallo può arrivare fino a 192.168.1.255. E, se hai il terzo dispositivo connesso a questa rete, quello sarà l'indirizzo IP 192.168.1.4. Quindi, in poche parole, 192.168.1.4 è solo un altro numero in questa sequenza. L'ordine della sequenza non può essere garantito perché avviene secondo un processo casuale. Quindi, la cosa più precisa da dire sarebbe che 192.168.1.4 è il terzo indirizzo IP della sequenza. Inoltre, può essere assegnato dal router a qualsiasi dispositivo su una rete DHCP.

Assegnazione manuale di 192.168.1.4

Ad oggi, dispositivi come telefoni, stampanti, console di gioco, schede, laptop, ecc. Consentono agli amministratori di configurare manualmente gli indirizzi IP. Chiunque abbia accesso ai dispositivi può modificare gli indirizzi IP dei dispositivi inserendo i numeri. Questi numeri possono essere configurati tramite i privilegi di amministratore. Ma dovresti ricordare che l'assegnazione manuale di un indirizzo IP va ben oltre la digitazione dei numeri. Solo perché inserisci un numero, non puoi garantire che funzioni correttamente. C'è molto da considerare quando si assegna un indirizzo IP. Oltre ad assegnare un numero al dispositivo stesso, è necessario configurarlo nella pagina del router. In caso contrario, non supporterà il trasferimento dei dati.

Quali sono i problemi associati a 192.168.1.4?

Nella maggior parte dei casi, potresti riscontrare che gli indirizzi IP privati ​​sono assegnati tramite il protocollo DHCP. Tuttavia, assegnare 192.168.1.4 manualmente al dispositivo di tua preferenza è piuttosto diverso da quel processo. Richiede un'assegnazione "fissa" o "statica". Tuttavia, non ti consigliamo di farlo a meno che tu non conosca molto bene le configurazioni di rete. Le ragioni sono menzionate nei paragrafi seguenti.

Quando si imposta manualmente un indirizzo IP, esiste il rischio di una situazione di conflitto dell'indirizzo IP. Ciò accade quando ci sono due dispositivi con lo stesso indirizzo IP sulla stessa rete. In generale, i router hanno 192.168.1.4 come uno dei loro indirizzi IP DHCP per impostazione predefinita. Pertanto, il router non verifica se il rispettivo indirizzo IP è già assegnato o meno. Al contrario, assegna gli indirizzi IP DHCP ai dispositivi rilevati dal router. Quindi, supponiamo che tu abbia già assegnato 192.168.1.4 manualmente a un dispositivo. Quindi, hai collegato un altro dispositivo alla stessa rete. Quindi, poiché il protocollo è DCHP, il router può assegnare 192.168.1.4 a questo nuovo dispositivo in modo casuale. Ciò significa che hai due dispositivi sulla stessa rete con lo stesso numero IP. In tal caso, il risultato ovvio è un conflitto di indirizzi IP. Entrambi i dispositivi riscontreranno problemi di connessione in questa circostanza.

Supponiamo di aver disconnesso un determinato dispositivo dalla rete per alcuni giorni. Dovresti anche supporre che l'indirizzo IP di quel dispositivo sia 192.168.1.4. Bene, dopo qualche tempo, il rispettivo indirizzo IP verrà riassegnato a un altro dispositivo. Il periodo di tempo è considerato il "periodo di leasing" quando si tratta di DHCP. Questo periodo di leasing può variare in base al tipo di configurazione della rete. In generale, questo periodo di locazione può essere di circa 2-3 giorni. Se non si collega un dispositivo più recente alla stessa rete, 192.168.1.4 rimarrà riservato. Una volta collegato il dispositivo precedente alla stessa rete, verrà riassegnato allo stesso dispositivo.

Cos'è 192.168.1.5?

Proprio come ti aspettavi, 192.168.1.5 è la quinta opzione in un pool di indirizzi IP con protocollo DHCP. 5, proprio come i precedenti indirizzi IP che abbiamo menzionato, è un indirizzo IP privato. Questo indirizzo IP si trova di solito nei router domestici che hanno almeno cinque dispositivi o più. Può essere assegnato automaticamente a un dispositivo connesso a una determinata rete. Inoltre, puoi persino configurare il tuo router per utilizzare questo indirizzo IP. Ma quasi nessun utente assegnerebbe 192.168.1.5 al router (il router di solito viene fornito con 192.168.1.5 per impostazione predefinita).


Supponiamo che 192.168.1.5 sia già assegnato a un dispositivo. Ma ciò non ti consente di accedervi come faresti con l'indirizzo IP del router. Tuttavia, è possibile comunicare con il dispositivo utilizzando il comando Ping e verificare se il dispositivo funziona.

Ad esempio, supponiamo che 192.168.1.5 sia assegnato a una stampante e si desidera verificare se è attivo. In questo caso, è necessario inviare un comando ping al rispettivo indirizzo IP.

Assegnare 192.168.1.5 automaticamente

Come per 192.168.1.2, 192.168.1.3 e 192.168.1.4, ci si può aspettare che il router assegni automaticamente un dispositivo con 192.168.1.5.

In generale, il router ha 192.168.1.1 per sé e per il resto degli indirizzi IP (fino a 192.168.1.255) per altri dispositivi. Questi indirizzi saranno assegnati ai dispositivi secondo un ordine sequenziale. Quindi, non devi preoccuparti di assegnare gli indirizzi IP come accade automaticamente.

Assegnazione manuale di 192.168.1.5

Se preferisci, puoi semplicemente assegnare 192.168.1.5 a un dispositivo preferito. Tuttavia, non ti consigliamo di farlo a meno che tu non abbia una buona conoscenza di ciò che fai. In altre parole, la configurazione manuale dell'indirizzo IP è un'attività che dovrebbe essere gestita da un professionista. La configurazione manuale dell'indirizzo IP è un'attività complessa piuttosto che digitare una serie di numeri. Se non lo fai correttamente, potrebbero verificarsi conflitti di rete e ne conosci già i motivi. Abbiamo spiegato la causa dietro i conflitti di indirizzo IP nelle sezioni precedenti.

Bene, queste sono le informazioni che volevamo condividere 192.168.1.2, 192.168.1.3, 192.168.1.4 e 192.168.1.5. Come vedresti, la configurazione di una rete domestica può diventare complessa se la gestisci in modo improprio. Pertanto, ti consigliamo vivamente di stare lontano dalle configurazioni manuali a meno che tu non sappia cosa fai. Altrimenti, ci saranno conseguenze fastidiose come conflitti di indirizzi IP che impediranno il corretto funzionamento della rete.


tag

Articoli Correlati

Chiudi